Estratto di vaniglia fatto in casa

image_pdfimage_print

Non c’è nulla di meglio delle cose preparate in casa. Tra queste, una che non può di certo mancare nella mia dispensa è l’estratto di vaniglia fatto in casa, ingrediente essenziale in molte delle mie ricette.

Per fare l’estratto di vaniglia avremo bisogno di due semplici ingredienti: bacche di vaniglia e alcohol.
Io ho usato la vodka ma è possibile usare rum o brandy in sostituzione (a confronto, la vodka è limpida e non ha aromi aggiunti).

Esistono varie qualità di vaniglia, la più pregiata al mondo (e quindi la più costosa) è senza ombra di dubbio la vaniglia Tahitensis, seguita dalla vaniglia Bourbon e poi da quella indiana.


Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di riposo: 3-4 settimane

Dosi per: 250ml di estratto

 

Ingredienti 
4 bacche di vaniglia
250 ml di vodka

  1. Iniziamo incidendo con un coltellino le bacche di vaniglia sul lato lungo. Con la punta del coltello raschiamo l’interno della bacca per prelevarne la poltiglia (cioè i semi).
  2. Poniamo i semi all’interno del barattolo. Inseriamo anche la stecca di vaniglia svuotata e ripetiamo lo stesso procedimento per le rimanenti bacche.
  3. Irroriamo il tutto con 250ml di vodka e chiudiamo il barattolo.
    Agitiamo bene e lasciamo in un luogo chiuso al riparo dalla luce diretta del sole.


Consigli: L’estratto di vaniglia fatto in casa va conservato in barattoli/bottiglie dal vetro scuro, a riparo dalla luce diretta del sole. Va shacherato di tanto in tanto e potrà essere utilizzato passate 3-4 settimane. Ovviamente più tempo passa, più l’aroma e il sapore saranno ricchi e complessi.

 

Comments

comments

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *